Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

FIGBCampania

  • Il BRIDGE è lo "Sport della Mente".

  • La Federazione Italiana Gioco Bridge è riconosciuta dal CONI e ne fa parte dal 1993 in qualità di Disciplina Associata.

  • Giocare a Bridge permette di mantenere giovane la mente, migliorare la concentrazione e la propria memoria.

  • Il bridge è diffuso a livello mondiale e si organizzano tornei, nazionali ed internazionali, campionati mondiali ed olimpiadi.

  • Giocare a Bridge può diventare per tutti un’attività agonistica e può essere praticata sia a livello dilettantistico che professionistico.

Articoli in evidenza

Donatella Gigliotti e la selezione per Nazionale Italiana Femminile

La selezione per la Nazionale Italiana femminile è stata vinta dalla squadra Vinci, che vede al suo interno la nostra amica napoletana Donatella Gigliotti, in coppia con Simonetta Paoluzi, oltre alle pluricampionesse Monica Aghemo, Monica Buratti, Annaelisa Rosettaa e Marilina Vannuzzi. 

Leggi tutto...
In ricordo di Carla De Iorio

All’apparenza sembrava una donna fragile in realtà era forte come una roccia.

La sua forza veniva dalla sua splendida famiglia, dalle sue solide amicizie, dalle sue radici genuine.

Leggi tutto...
Nuova Programmazione Real Bridge

Dal momento che le associazioni hanno deciso, di comune accordo, uno stop in presenza di almeno 2 settimane, il consorzio ha deciso di incrementare momentaneamente la parogrammazione su real.

Leggi tutto...
Accordo tra le Associazioni Napoletane

4 Associazioni Napoletane (Clubino, Neapolis, Partenope e Railway) riunitesi hanno deciso di comune accordo di adottare la stessa linea di comportamento per il gioco in presenza.

Leggi tutto...
Nuovo Responsabile Gioco Bridge Railway

L'asd Railway cambia il responsabile al gioco. Il nuovo responsabile della sezione bridge è Maria Lanzetta (3774609459)

Leggi tutto...
Lettera Del Presidente Della FIGB

Cari Amici,

La decisione di sospendere tutte le attività federali è stata tanto sofferta quanto inevitabile, non solo per ottemperare ai decreti del Presidente del Consiglio, ma soprattutto per contribuire per quanto possibile alla tutela di tutti i tesserati.
È il momento di fermarsi, essere prudenti e rispettare con estrema cura i provvedimenti restrittivi e le norme sanitarie suggerite.

Leggi tutto...
Modifica Calendario Agonistico Nazionale 2020

Si comunicano le seguenti variazioni al calendario agonistico, apportate per opportuna gestione dell'emergenza CoViD - 19:

Leggi tutto...

Anacleto Del Vecchio

Ci ha lasciato una "colonna"del bridge campano, Anacleto del Vecchio. Una grande perdita per tutti.

In memoria di Anacleto le parole dell'amico Franco:

 

Ad una certa età ci sono tanti modi di vivere la vita. Ci si può chiudere in se stessi ed arrendersi al passare delle stagioni. Si possono accettare le limitazioni e le conflittualità della vecchiaia provando a contrastare serenamente quello a cui non si può sfuggire. Oppure, come Anacleto, aggredire la vita con forza ed in forza delle proprie passioni!

Anacleto prediligeva scrivere e giocare a bridge. Le sue riflessioni erano (sono!) il frutto di un vissuto dogmatico, intenso di esperienze così come il suo bridge al quale è rimasto fedele fino alla fine dei suoi giorni.

Naturalmente dotato di uno spiccato senso dell’ironia amava prendere in giro gli altri ma soprattutto se stesso. Ricordo qualche anno fa, in uno dei tanti Festival giocati in quel di Riccione, mi ritrovai, casualmente, al tavolo accanto al suo proprio nel mentre il suo avversario di turno lo apostrofava dicendo: “lei è un vecchio maleducato!”. Anacleto non si scompose più di tanto e replicò:” guardi non cominci ad offendere, maleducato si ma vecchio non glielo consento!”

Anacleto era così: nessuno poteva vantarsi di essere amico di Anacleto perché era amico di tutti!

La figura statuaria specchiava un carattere forte, autoritario che non sempre sapeva controllare. Ma riusciva comunque a farsi perdonare con quella umanità e quel senso della disciplina tipici di una certa generazione.

Anacleto Del Vecchio aveva 99 anni ben portati! Anche se un po’ ingobbito dall’età, manteneva un sua austerità ed una lucidità da far invidia. Quando provavi a chiedergli della sua salute “”…allora, come va?”, reagiva sempre allo stesso modo “…come un leone!”.

Ed era vero! Come un leone si è fatto strada nella jungla della vita e come un leone ha difeso le sue idee, le sue convinzioni, il… suo territorio!

Ci mancherà? E come potrebbe essere diversamente!

Buon viaggio amico mio!

Franco Fioretti

Visite

Oggi107
Ieri104
Settimana211
Mese2228
Totale925613

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Free Joomla! templates by AgeThemes